Il Governo Draghi riparte dalla Mediazione

in News
on 17 Marzo 2021
Visite: 338

Il Ministro della Giustizia Marta Cartabia, durante il suo intervento presso la Commissione Giustizia della Camera il 15 marzo scorso, ha posto al centro del suo intervento, tra gli strumenti da rilanciare e privilegiare per risolvere i problemi della giustizia civile, la mediazione e gli strumenti alternativi di risoluzione delle controversie.

Il Ministro Cartabia ha osservato come sia “un dato di esperienza consolidato, anche in una prospettiva comparata con altri sistemi giuridici, che le forme alternative di risoluzione dei conflitti producono effetti virtuosi di alleggerimento dell'amministrazione della giustizia. Tuttavia, il loro significato supera questa intuitiva potenzialità. Tutt'altro che alternative, queste forme di risoluzione delle controversie giuridiche rivestono un ruolo che è piuttosto di complementarità rispetto alla giurisdizione, di coesistenza".In particolare, "accanto alle più sperimentate forme arbitrali, vorrei soffermare l'attenzione sulla mediazione, uno strumento verso il quale, dopo gli iniziali scetticismi, si riscontra oggi una generale apertura da parte delle diverse categorie, pur nella necessità di significative messe a punto legislative”.Su questo punto il Ministro ha affermato che le possibili linee direttrici su cui muoversi potrebbero essere quello di incentivare l’impiego della mediazione nelle materie in cui si è rivelata maggiormente virtuosa, di immaginare nuovi meccanismi incentivanti (di tipo processuali e fiscali), ma anche di ripensare il rapporto tra mediazione e giudizio favorendo una maggiore integrazione tra i due istituti.